3.1 Installazione su Windows

Scarica il pacchetto di ircd-hybrid nella versione di windows nella sezione " come reperire ircd-hybrid " appena scaricato il paccheto che più soddisfa le vostre esigenze estraiamo il contenuto con il software unzip.exe oppure con software come winrar o winzip. Per questo esepio utilizzeremo unzip.exe.

   C:\>unzip.exe IRCD-it.zip

A questo punto entriamo nella cartella del nostro ircd-hybrid:

   C:\>cd IRCD-it 

Ricordatevi e fondamentale copiare i file in questo percorso in quanto nelle altre Patch potrebbe non funzionare. Appena l'abbiamo estratto il contenuto del pacchetto visualizzeremo il listato dei file.

   C:\IRCD-it>dir     
   Il volume nell'unità C non ha etichetta.     
   Numero di serie del volume: 780B-1DC2
   
   Directory di C:\IRCD-it

   19/09/2006 11.47 <DIR> .     
   19/09/2006 11.47 <DIR> ..     
   19/09/2006 09.13 <DIR> bin
   19/09/2006 11.48 <DIR> doc
   19/09/2006 09.29 <DIR> etc
   19/09/2006 09.13 <DIR> help
   19/09/2006 09.16 <DIR> logs
   19/09/2006 09.27 <DIR> messages
   24/07/2006 11.28 408 LEGGIMI_WIN32.txt 
   1 File 408 byte     8 Directory 744.132.608 byte disponibili

Configurazione

Perfetto ora che abbiamo scompattato il pacchetto dell'ircd-hybrid per prima cosa dobbiamo entrare dentro la cartella c:\IRCD\etc e rinominare uno dei numerosi file di configurazione in ircd.conf ( nel nostro caso rinomineremo example-it.conf in ircd.conf ).

Fatto questo non ci resta che editare il file ( con BloccoNote o Wordpad di Windows ) a nostro piacimento stando attenti a due punti fondamentali, che molto spesso creano problemi ad i nuovi utenti ossia la creazione dell'ID univoco e la rimozione di una linea di codice nel conf per comunicare all'ircd-hybrid che abbiamo finito la parte della configurazione e siamo pronti alla prima esecuzione dell'ircd.

       serverinfo {         
       name = "irc.example.com";         
       sid = "_CHANGE_ME_"; ( sid ="1AB"; )          
       description = "Test IRC Server";         
       hub = no;         
       };

Appena finito editiamo a nostra scelta visto che potremmo essere l'unico server possiamo assegnargli un ID banale come ad esempio sid = "1AB".

Fatto questo dobbiamo cercare nel nostro config questa stringa ed eliminarla:

      /* REMOVE ME. The following line checks you've been reading. */        
      havent_read_conf = 1; <- la parte da eliminare 
Per maggiori informazioni sulla configurazione del demone ircd raccomando la lettura del capito sulla configurazione di ircd.conf

Primo avvio

Bene, fatto questo il nostro IRCD e già pronto alla prima esecuzione ora entriamo nella cartella c:\ircd\bin\ ed eseguiamo l'eseguibile ircd.exe, non ci resta che controllare tramite il nostro taskmanager che il processo sia in esecuzione " ircd.exe " altre utili informazioni le potrete trovare nella cartella c:\ircd\log se l'avvio non fosse andato a buon fine.

Ora che abbiamo avviato il nostro demone visualizziamo nel Taskmanager se il processo " ircd " è presente fra i processi attivi, se è andato tutto a buon fine possiamo passare a connetterci all'ircd.

Connessione

Ora possiamo provare a connetterci all'ircd-hybrid dal nostro client preferito per Windows connettiamoci con la seguente stringa.

     /server 127.0.0.1 6667   

La connessione dovrebbe essere istantanea in quanto il demone gira sulla stessa macchina del client a questo punto siete connessi al vostro server IRCD.

 

Questo, ed altri documenti, possono essere scaricati da http://doc.ircd-hybrid.it.

Per domande su ircd-hyrbid, leggi la documentazione prima di contattare <doc@ircd-hybrid.it>.
Per domande su questa documentazione, invia una e-mail a <doc@ircd-hybrid.it>.